24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Vanchiglia chiede un fondo per le vittime della movida

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un “fondo vittime della movida”, sul modello di quello per le vittime della strada. E’ la proposta-provocazione lanciata su Facebook dal comitato ‘Riprendiamoci Vanchiglia’, che oggi ha partecipato a una Commissione consiliare nella quale è stata discussa una mozione del vicecapogruppo di FdI Enzo Liardo sul tema malamovida.
“Quello che chiediamo è il diritto alla salute, perché dopo sei anni in queste condizioni l’abbiamo persa – ha detto in Commissione una delle promotrici del Comitato di cittadini -.
C’è un problema di salute, di sicurezza ed economico”. Una serie di “danni” per i quali il Comitato, che ha già avviato una causa contro il Comune, chiede un risarcimento. “Esiste il fondo vittime della strada – dicono – costituite un fondo vittime della movida è il minimo che possiate fare per i nostri anni bruciati”. Una proposta sulla quale al momento l’assessore al Commercio Paolo Chiavarino preferisce essere cauto. “Bisogna vedere normativamente – dice -, siamo pronti ad approfondire ma più di questo non posso dire, non sarei serio se dessi una risposta così su due piedi”. E sul tema movida ribadisce che “ce ne stiamo occupando con la task force interassessorile e a breve avremo un incontro con Circoscrizioni e residenti. Stiamo anche analizzando quanto fatto da altre città, ma ogni provvedimento va definito in modo tale da non essere impugnabile”.
Per i locali che non rispettano le norme, comunque, confermata la linea dura decisa la scorsa settimana dal tavolo in prefettura. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano