16.8 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Val di Susa, espropriati i terreni per salvare la farfalla. Presidio No Tav

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

In Valle di Susa sono incominciati gli esproprio temporanei dei terreni coinvolti nel nel progetto per la tutela della farfalla Zerynthia Polyxena, specie protetta presente nell’area interessata dall’espansione del cantiere del Tav della Torino-Lione.

Dalla società Telt spiegano che è prevista, da parte del Consorzio forestale Alta Valle Susa, la realizzazione di un corridoio ecologico – su progetto dell’Università di Torino – elaborato per la salvaguardia del lepidottero.

Le occupazioni temporanee riguardano terreni di 41 proprietari per un totale di 1,8 ettari. La procedura era stata avviata nel dicembre del 2019.

I decreti di esproprio sono stati alla presenza dei proprietari dei terreni. Le aree saranno consegnate al Consorzio per il proseguimento delle attività – già iniziate nelle zone di pertinenza dei Comuni – per la creazione del corridoio ecologico.

Intanto, davanti ai cancelli del cantiere dell’Alta Velocità si sono dati appuntamento una cinquantina di No Tav per un presidio.

«Siamo a Chiomonte – commentano i No Tav – contro gli espropri delle vigne e dei campi per costruire il treno ad alta voracità. Decine di poliziotti in assetto anti-sommossa pagati per difendere la devastazione della nostra terra. Il solito schifo in Val di Susa».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano