20.4 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Una cittadella universitaria targata Ikea

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una cittadella universitaria a Torino costruita da Ikea. È questa la prima concreta prospettiva che si apre per il capoluogo subalpino dopo il recente viaggio ad Amsterdam dell’assessore all’Urbanistica Stefano Lo Russo e della direttrice della divisione Paola Virano. Una città che, che negli ultimi anni, sta sviluppando una sempre più spiccata vocazione studentesca.
Ancora niente di certo, ma i tempi sono brevi, dal momento che una delegazione del colosso svedese verrà sotto la Mole prima di valutare per valutare quale sarebbe il luogo più idoneo. Se l’affare andasse in porto, caso probabile, sarebbe più veloce ed evidente il restyling di una città non più industriale ma che fa di cultura, università e turismo la propria forza. Del resto, sono già 100mila gli studenti a Torino, di cui 17mila stranieri (di 150 nazionalità diverse) e il sindaco Piero Fassino da anni ripete che è sulle residenze universitarie che bisogna puntare.
Ora i rappresentanti di Ikea hanno chiesto al primo cittadino, riferendo che la sua sezione “Inter hospitality”, che costruisce case per studenti, è interessata a Torino «per costruire una nuova residenza in questo importante distretto universitario» e chiede quando sia possibile fare un sopralluogo nelle aree vicine all’università per individuare quella più adatta. La risposta di Lo Russo e Virano è arrivata, appunto, dopo il loro recente viaggio ad Amsterdam, per il convegno intitolato “New Opportunities for University City”, con tema le città universitarie in periodo post industriale. I due hanno parlato, appunto, dei giorni prima di Natale. «Una città universitaria è una città accogliente che investe in innovazione – ha detto Lo Russo – la qualità della vita offerta da Torino, il suo verde, il suo fiume la sua attenzione alla cultura e all’arte, stanno facendo la differenza rispetto ad altre città italiane».
D’altra parte un altro grosso costruttore belga, Conaco, ha chiesto di poter venire a Torino con le stesse intenzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano