8.7 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

Tra Appendino e la candidatura alle politiche il codice etico M5s

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Terminata l’esperienza da sindaca per Chiara Appendino potrebbe esserci un seggio in parlamento. Infondo, l’ex prima cittadina è ora libera da impegni politici e già in tempi non sospetti c’era chi la voleva a Roma. 

La strada della candidatura alle politiche è sgombra di ostacoli per l’ex prima cittadina torinese, che -sul fronte dei due mandati- è forte del ‘mandato 0’ voluto per i consiglieri comunali dall’ex capo politico Luigi Di Maio. Assolta in appello dall’accusa di falso in bilancio nell’ambito del processo Ream, Appendino è stata condannata a un anno e mezzo, con sospensione condizionale della pena, per i fatti di piazza San Carlo, quando, durante la proiezione della finale di Champions League Real Madrid-Juventus, persero la vita due persone e ne rimasero ferite 1.700.
Tuttavia l’ex sindaca, stando alle regole grilline, può candidarsi, perché il codice etico del Movimento prevede che chi è stato condannato per reati colposi possa scendere in campo elettorale, per una clausola all’epoca messa nero su bianco dall’ex Guardasigilli Alfonso Bonafede, finalizzata a non lasciare fuori, ad esempio, chi avesse alle spalle una condanna perché coinvolto in un grave incidente. 

L’avvocato ex grillino Loreno Borrè spiega: ”Sulla condanna nulla da eccepire perché assolta a maggio per il falso in bilancio e condannata sì, ma per l’altro reato che è colposo e non doloso e non passato in giudicato. Resta la spada di Damocle dell’interpretazione del codice etico che non risulta superata dalla consultazione del 2021 in cui passò il concetto di ‘mandato zero’ per i consiglieri comunali”.

“Costituisce condotta grave ed incompatibile con la candidatura ed il mantenimento di una carica elettiva quale portavoce del MoVimento 5 Stelle la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo”, si legge infatti all’articolo sei del Codice etico, quello che regola gli ‘obblighi per i candidati nelle competizioni elettorali sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle e per i portavoce eletti sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle in relazione ai procedimenti penali’. 

Certo è che trovare una soluzione per permettere ad Appendino di candidarsi permetterebbe al Movimento di aggiungere un nome di peso a una lista di papabili molto scarna. Infatti, in virtù delle regole interne del Movimento saltano molti nomi big tra i candidati: tra gli altri, Roberto Fico e Paola Taverna, Virginia Raggi e Danilo Toninelli (i più amati dalla base), Roberta Lombardi e la sua nemica di sempre, Virginia Raggi. E ancora Stefano Buffagni, Vito Crimi Federico D’Incà e Riccardo Fraccaro. I nomi da spendere in campagna elettorale sono ridotti al lumicino, oltre a quello di Giuseppe Conte in pista resta, ad esempio, il ministro e capodelegazione Stefano Patuanelli. Resta ferma, poi, l’incognita Alessandro Di Battista.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano