23.4 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

Torino, Lo Russo in piazza per Draghi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo avere promosso con il sindaco di Firenze Dario Nardella una lettera aperta, sottoscritta da oltre mille primi cittadini, a sostegno di Mario Draghi, il sindaco di Torino Stefano Lo Russo parteciperà alla manifestazione pro premier prevista per questa sera e organizzata dai Radicali. “Mi pare assolutamente scontata la mia presenza e il mio sostegno al presidio di questa sera. È una ulteriore forma di sostegno a questo esecutivo”, ha spiegato, a margine della firma del protocollo d’intesa tra il Comune di Torino e la Compagnia di San Paolo. “La raccolta firme che abbiamo promosso sul documento dei sindaci – continua Lo Russo – sta andando oltre le nostre attese, continuiamo a ricevere decine e decine di adesioni da tutta Italia ogni ora e questo dimostra in maniera molto chiara qual è la volontà vera del Paese reale, anche tra noi amministratori. Di tutto abbiamo bisogno in questo momento salvo che di andare a una campagna elettorale per le elezioni politiche. Si vada a votare in primavera, a scadenza naturale e soprattutto dopo aver scavallato il documento di programmazione economica e finanziaria, che questo governo deve mettere in campo, dopo aver approvato le misure per mettere in sicurezza da caro bollette e dal caro carburanti e aver in qualche modo risposto all’emergenza sociale. Non mi sembrano argomenti né di destra né di sinistra, – ha aggiunto Lo Russo – sono argomenti che riguardano tutti i cittadini e le imprese che hanno bisogno di risposte e di certezze. Io penso che da qui alla fine dell’anno ci siano tutte le condizioni per mettere in campo queste azioni se c’è stabilità di governo. E poi in primavera, quando la legislatura è finita, si vada a votare. Andare a votare adesso è davvero incosciente”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano