27.5 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Test della saliva per chi arriva in Sardegna

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si parla ancora di passaporto sanitario per chi intende trascorrere le vacanze in Sardegna in tempi di coronavirus. Intervistato nel corso della trasmissione Coffee Break su La7 il presidente della Regione Christian Solinas ha assicurato che la Sardegna e’ pronta ad accogliere i turisti e ha precisato la natura del test richiesto per evitare il diffondersi dei contagi.

“I tamponi ai quali facciamo riferimento – ha spiegato – non sono test sierologici. Noi guardiamo a un brevetto italiano che ha già ricevuto il marchio Ce e che è in fase di studio da parte di Aifa – penso il 25 maggio ci sia la decisione definitiva – che è un test molecolare sulla saliva. Questo – ha sottolineato Solinas – ha una percentuale di affidabilità che è pari al tampone rinofaringeo se non superiore perché sul tampone rinofaringeo incide due volte l’aspetto umano: quello dell’esecutore del tampone e quello dell’operatore che esegue il test”.

Il costo del test – ha assicurato – il governatore sardo verrà rimborsato o con servizi alberghieri o con un bonus regionale per ingressi in siti archeologici o per l’acquisto di prodotti tipici. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano