20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Territori Equosolidali

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Riccardo Graziano
Riccardo Graziano
Figlio del boom demografico e dell'Italia del miracolo economico, vive con pessimismo non rassegnato l'attuale decadenza del Belpaese. Scopre tardivamente una vocazione latente per il giornalismo e inizia a scrivere su varie testate sia su carta stampata sia su web.

A circa un mese dalla chiusura di Terra Madre, la manifestazione torinese dedicata all’incontro fra le comunità del cibo organizzata da Slow Food, proseguono sulla loro strada le varie iniziative lanciate durante i giorni della kermesse.
Una di queste è la campagna “Territori Equosolidali”, voluta dalle organizzazioni del commercio equo per trovare nuove sinergie con gli enti locali. I promotori sono Equo Garantito, ’Associazione Botteghe del Mondo e Fairtrade Italia, mentre i destinatari a cui si rivolge il progetto sono gli enti locali (comuni e città metropolitane), enti di secondo livello (ex province, comunità montane, comunità isolane, unioni di comuni), regioni ed enti parco.
In particolare, Equo Garantito è l’associazione di categoria delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane; l’Associazione Botteghe del Mondo, nata nel 1991, è la rete che collega i negozi del Commercio Equo e Solidale in Italia; Fairtrade Italia è il consorzio che dal 1994 promuove il Marchio di Certificazione Fairtrade e i valori del Commercio Equo e Solidale certificato sul territorio italiano. I soci di Fairtrade Italia sono organizzazioni non governative, associazioni, cooperative, consorzi e società che sostengono il Commercio Equo e Solidale, la cooperazione internazionale, l’azione sociale, la finanza etica, il rispetto dell’ambiente e la tutela dei consumatori.
La campagna promossa dal movimento del Commercio Equo e Solidale punta a rafforzare la collaborazione con le istituzioni a livello locale, ritenute un interlocutore imprescindibile per innescare un cambiamento socio-culturale nei cittadini e nelle imprese. Lo scopo è quello di allargare gli spazi del Commercio Equo e Solidale, ritenuto uno strumento concreto per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs – Sustainable Development Goals) previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, in quanto i rispettivi principi e azioni sono sostanzialmente sovrapponibili.
Infatti il commercio equo, che da oltre 25 anni costruisce ponti fra il Nord e il Sud del mondo, è in grado di creare reti di soggetti attenti allo sviluppo sostenibile sia a livello locale, sia a livello globale, grazie ai suoi principi di equità e al valore dato alla dignità del lavoro, alla trasparenza delle filiere produttive e relativa tracciabilità dei prodotti, al rispetto delle comunità e delle produzioni locali, alla parità di genere e alla tutela dell’ambiente.
Il coinvolgimento degli enti locali è importante perché il commercio equo può trovare applicazione anche in ambiti quali la cooperazione internazionale istituzionale e gli appalti pubblici: per quest’ultimo aspetto, basta pensare alla refezione scolastica o alle mense per i dipendenti della pubblica amministrazione.
In sostanza, il Commercio Equo e Solidale può essere una bussola per orientare le scelte politiche delle amministrazioni locali in maniera maggiormente sostenibile e in vari ambiti di intervento: la cooperazione internazionale, la sensibilizzazione ed educazione al consumo responsabile, il sostegno ad imprese attente alle ricadute sociali e ambientali delle proprie attività e infine gli acquisti pubblici orientati alla sostenibilità e ai criteri sociali come suggerito anche dall’Unione Europea con la direttiva sugli appalti pubblici.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...