20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Terra del Fuoco dopo l’avviso di garanzia attacca: “Il Comune sapeva”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Il Comune di Torino e i servizi preposti sarebbero stati al corrente delle sistemazioni individuate per i rom del campo di lungo Stura Lazio dopo lo sgombero. Questa è quanto afferma Terra del Fuoco, nell’ambito della questione scoppiata a seguito delle indagine per turbativa d’asta a carico dell’associazione culturale e di abuso edilizio per Giorgio Molino, proprietario degli appartamenti finiti al centro della bufera.

«Nei tavoli di coordinamento del progetto è stata proposta la disponibilità di sedici appartamenti ed è stato fatto notare che la proprietà era di Molinosostiene Matteo Saccani, tesoriere di Terra del FuocoI rappresentanti del Comune di Torino hanno detto che andava bene e di andare avanti».

Una versione diversa rispetto a quella del Pubblico Ministero Andrea Padalino: nell’indagine del Pm, infatti, il Comune era stato menzionato come parte lesa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano