18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Telefonino alla guida, nuove tecniche per scoprirlo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

A Torino è al test una nuova tecnica per scoprire se l’autore di un incidente stradale stesse usando il telefono cellulare o un tablet al momento dell’incidente, sviluppata dal reparto “in house” del reparto di investigazione scientifica della polizia municipale di Torino.

Il tutto per cercare di fermare il trend che vede una crescita nell’uso di dispositivi mobile alla guida: per una maggiore deterrenza potrebbe essere previsto anche il sequestro dell’apparecchio in caso di risposta positiva. Ogni anno a Torino i vigili effettuano circa 5.000 multe. Solo nel mese di agosto ne sono state notificate 423.

«Abbiamo sperimentato qualche mese fa questa tecnologia su richiesta dell’autorità giudiziaria – commenta il comandante dei vigili torinesi Alberto Gregnanini – che voleva avere qualche elemento in più sulle dinamiche di un grave incidente stradale accaduto a Cuneo». In quel caso è stato possibile accertare che l’impatto è avvenuto mentre il telefono era attivo. «A 50 chilometri all’ora – continua il comandante Gregnanini- usare il cellulare per 10 secondi significa percorrere sessanta metri praticamente al buio. E’ come essere ciechi per tutta quella distanza»
Il metodo sperimentato a Torino è stato presentato al convegno di Riccione della polizia municipale e ha riscosso successo da parte del ministero dei Traspoti, che ha prospettato la possibilità di un finanziamento dello Stato per estenderne l’utilizzo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano