25.2 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Tav, il Cipe firma il progetto definitivo della Torino-Lione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Approvato il progetto definitivo del treno ad alta velocità Torino-Lione. Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha dato il via libera e martedì 24 febbraio a Parigi verrà firmato il protocollo addizionale all’accordo Italia-Francia del 2012. In sintesi, parte la vera e propria realizzazione dell’opera. Ad annunciarlo, oltre al Ministero dei Trasporti con una nota ufficiale, è Maurizio Lupi, che con un tweet festeggia così: “Torino-Lione, approvato dal Cipe il progetto definitivo. Martedì a Parigi, firma dell’accordo con la Francia”.
«È un grande risultato che corona il processo valutativo portato avanti in questi anni dai Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Ambiente, dei Beni Culturali e dell’Economia», spiega il Ministero nella nota ufficiale.
«Oltre alla piena condivisione di Italia e Francia – aggiungono dal Ministero-, l’opera ha beneficiato e continua a essere sostenuta dalla Commissione Europea attraverso il ruolo del Coordinatore del Corridoio Mediterraneo Laurens Jan Brinkhorst.
«È ormai giudizio consolidato a livello europeo che la Torino-Lione, come ha ribadito nei giorni scorsi anche la Commissaria europea ai Trasporti Violeta Bulc, non sia più solo un’opera franco-italiana ma soprattutto un progetto europeo per l’integrazione degli scambi delle persone e delle merci e per la salvaguardia ambientale di beni comuni intangibili come le Alpi», conclude la nota.
A nulla sono valsi gli appelli delle settimane scorse di chi si oppone all’opera, dove si chiedeva al Cipe di non firmare il progetto.
Ora cosa accadrà? Il primo passo è che il governo italiano e quello francese chiederanno il 26 febbraio un finanziamento del 40% sui costi dell’opera, come era in programma.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano