19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

I tartufi hanno l’impermeabile antinucleare

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Che i tartufi fossero preziosi non è una novità ma che avessero anche la proprietà  di essere denuclearizzati non lo si sapeva proprio.  Il motivo non è ancora chiaro  ma il dato è accertato. 
E’ un discorso  ci porta a trenta anni fa. I più avanti negli anni ricorderanno Chernobyl, il terribile incidente nucleare che inondò di pericolose radiazioni l’Europa quando al Cremlino sventolava ancora la bandiera rossa. L’onda di quei fatti portò in Italia a dire no al nucleare.
Tornando ai tartufi  grazie agli studi  del centro ricerca svizzero Wsl diretto da Ulf Buntgen, che ha analizzato gli  effetti di  quella nube letale, contenente una grande quantità di Cesio 137, si è scoperto con grande sorpresa che i tartufi  non avevano praticamente tracce di questo elemento.  
Un dato inatteso dato che i tartufi si alimentano delle sostanze del terreno. Non vale lo stesso discorso  per funghi  e  selvaggina  che, a distanza di anni nelle zone più soggette a quelle radiazioni, continuano a far riscontrare elevati livelli di Cesio 137 (un isotopo radioattivo sottoprodotto della fissione nucleare dell’uranio). Cusioso anche il fatto che ’”impermeabile antiradiazioni” sia presente solo nei veri  “ tartufi  commestibili” mentre negli altri prodotti simili la carica radioattiva resta elevata come nei funghi e altri tuberi.  I riscontri sui tartufi sono stati confermati da studi effettuati  su tuberi di  tutta Europa che hanno confermato questa straordinaria proprietà. Ad Alba e nelle altre zone dell’oro nero nostrano avranno un altro motivo di vanto.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano