14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Tamponi, Furia e Peano (PD): “Necessario ampliare ulteriormente la platea”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Presidente Cirio ha annunciato oggi che amplierà l’esecuzione dei tamponi ai Medici di Medicina Generale, al personale del 118 e ai dipendenti sintomatici o che abbiano avuto contatti stretti con soggetti positivi (secondo la definizione dell’ISS).

Fare il tampone al personale sanitario sintomatico non è sufficiente, purtroppo stiamo imparando che gli ospedali possono essere i principali veicoli di trasmissione del Covid-19 perchè si riempiono rapidamente di malati infetti che contagiano i pazienti e gli operatori non infetti.

Le ambulanze e il personale sanitario diventano rapidamente dei vettori essendo portatori asintomatici della malattia senza alcuna sorveglianza.

I Medici di Medicina Generale, ma aggiungiamo chi non viene citato ma svolge un prezioso servizio sul territorio, i Pediatri di libera scelta, gli operatori dei Dipartimento di Salute Mentale e della Psicologia, del Dipartimento materno infantile (NPI e Consultori), dei SERD, ma anche le Unità di Continuità Assistenziale dei Distretti Sanitari (guardie mediche e infermieri territoriali), che si fanno carico dei pazienti sul territorio e a contatto con i loro familiari, devono essere costantemente sorvegliati al pari degli altri.

Come Pd riteniamo pertanto necessario il più possibile ampliare l’ esecuzione dei tamponi anche a tutto i sanitari ospedalieri e del territorio asintomatici per tutelare colleghi, familiari e i pazienti ricoverati o in carico per altre patologie.

Sarebbe opportuno anche prevedere il tampone a tutti coloro che vengono ricoverati e dimessi dagli ospedali, per evitare che contagino interi reparti, tutto il personale sanitario e tutte le strutture di destinazione (reparti di riabilitazione, lungodegenze, RSA e case di riposo).

 

Paolo Furia, Segretario Regionale PD Piemonte

Maria Peano, Responsabile Sanità Segreteria Regionale

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano