-1.1 C
Torino
venerdì, 27 Gennaio 2023

Strage di Caselle, il gip: “Dorotea De Pippo ha agito con cinismo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dorotea De Pippo ha agito con spregiudicatezza e cinismo. Questo è quanto sostenuto dal giudice per le indagini preliminari Alessandra Danieli, nelle motivazioni per la convalida d’arresto dell’ex domestica di casa Allione. Mentre lei continua a proclamarsi innocente resta in carcere, accusata di essere la mente della strage di Caselle Torinese, il 3 gennaio scorso, quando vennero massacrati a colpi di tagliacarte Claudio Allione, 66 anni, Maria Angela Greggio, 65 anni, e la madre della donna, Emilia Dall’Orto, 93 anni.
Per il momento viene considerato autore del triplice omicidio Giorgio Palmieri, reo confesso, il compagno della De Pippo. Ma secondo i pubblici ministeri Fabio Scevola e Roberto Sparagna sarebbe la Dorotea l’ideatrice del piano.
La donna ha ammesso solo di avere utilizzato le carte di credito rubate nella villa di via Ferrari 13. Per i magistrati deve restare in carcere perché è forte il rischio di reiterazione del reato e di inquinamento di prove.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano