7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Sostanze nocive nella cannabis light. “E’ opera delle organizzazioni criminali”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Cannabinoidi sintetici altamente nocivi sono presenti in alcune partite di cannabis light. Lo ha denunciato Luca Fiorentino, della ‘Cannabidiol distribution Srl’ (tra le prime aziende in Italia ad aver lanciato la Cannabis in libera vendita) che ha segnalato alle forze dell’ordine i risultati del laboratorio analisi del Progetto Neutravel di Torino dove emerge la presenza nell’erba della sostanza MDMB-4en-PINACA. “Si tratta – racconta Fiorentino – di un cannabinoide sintetico che ha già provocato diversi decessi in tutto il mondo”. Infatti il campione sottoposto ad analisi con GC-MS è risultato: MDMB-4en-PINACA + CBD 6% + THC <0.2%

C’è, secondo Fiorentino, chi ha interesse a diffondere questo tipo di cannabis. “Negli ultimi mesi diverse organizzazioni criminali hanno iniziato a immettere nel mercato illegale la Cannabis light, con all’interno le sostanze chimiche – spiega – Questo per avere maggiori guadagni e meno problemi nel trasporto della merce durante l’emergenza Covid”.

“Come chiediamo da diversi anni, una regolamentazione chiara di questo settore è ormai necessaria al fine di tutelare milioni di consumatori e smettere di favorire indirettamente le organizzazioni criminali”, concludono da Cannabidiol distribution.

Il servizio di drug checking è gratuito e si trova in via Pacini 18 a Torino, presso una delle sedi del Gruppo Abele, gestito dal progetto Neutravel ed è un livello essenziale di assistenza in Regione Piemonte.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano