27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Sindrome di Kawasaki, bambini contagiati da coronavirus a rischio

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A Bergamo, in un solo mese, sono state diagnosticate 12 malattie di Kawasaki nei bambini tra 6 e 10 anni. Due hanno avuto necessità della terapia intensiva per alcuni giorni. A Bergamo, di norma, si osservano 12 malattie di Kawasaki in 5 anni. Immediato, per logica, il collegamento col Coronavirus.

Questa malattia è una vasculite che colpisce i bambini sotto i 10 anni, più spesso prima dei 5. La causa rimane ignota ma si pensa che sia causata da un agente infettivo che, nei piccoli predisposti, provoca una risposta infiammatoria.
Normalmente i sintomi tipici sono febbre alta persistente, eruzione cutanea, alterazioni delle mucose e delle estremità. La complicanza più temibile è l’infiammazione delle arterie del cuore, che può causare dilatazioni aneurismatiche permanenti delle coronarie.
In genere la patologia risponde molto bene alla terapia (immunoglobuline e acido acetilsalicilico, talora cortisone), e con il trattamento appropriato, somministrato in tempi rapidi, praticamente tutti i bambini guariscono.

I medici del dipartimento Pediatria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, si sono accorti che il Coronavirus aggrava la condizione della malattia di Kawasaki. A cominciare dai numeri. Avvertono: “In previsione dell’imminente apertura alla Fase 2, è importante tenere presente tutte le conseguenze che questo virus insidioso può causare, sia nella fascia di età adulta che in quella pediatrica”.

Italo Levante

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano