17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Scuola, tornano sui banchi 36 bambini piemontesi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tornano sui banchi, domani mattina, 36 bambini piemontesi, dai tre ai dieci anni. La campanella suonerà alle 8 per i piccoli alunni di tre comuni del vercellese, Borgosesia, Varallo Sesia e Quarone.

Una sperimentazione voluta dal sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani, che ha avuto il via libera della Regione Piemonte e potrebbe essere un modello da seguire in vista della riapertura delle scuole a settembre. L’obiettivo è venire incontro alle esigenze dei genitori che hanno ripreso a lavorare e non sanno a chi lasciare figli più piccoli. I bambini, che resteranno a scuola fino alle 18, troveranno in classe non i docenti ma gli educatori del pre e post scuola.

Seguiranno norme molto rigide: le classi saranno di 4 bambini nella scuola dell’infanzia e di 5 alla primaria, almeno 4-5 metri quadrati di spazio a bambino, sanificazione quotidiana dei locali, in bagno uno per volta, rilevazione della temperatura più volte al giorno, ingressi e uscite scaglionati, pasti sigillati in confezioni monoporzione. Il costo è di 10 euro euro al giorno più altri 5 per il servizio mensa. Non sarà consentito portare pasti pronti da casa. Non mancano le polemiche. Per l’Anief Piemonte “la scuola non è un baby parking. Chiediamo al presidente Cirio e all’assessore regionale Chiorino di non cadere nell’errore di fughe in avanti sulla scuola. Ci aspettiamo, quindi, di essere convocati al più presto per discutere dei dettagli di questa sperimentazione”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano