21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Renzi verso Palazzo Chigi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

E’ una giornata campale. Di quelle che segnano la storia di un Paese. Oggi il Pd si incontra per decidere le sorti del governo targato Letta.
Il primo a prendere la parola in Largo del Nazareno, sede della direzione nazionale del Pd, è Matteo Renzi.
Il grande assente è il presidente del Consiglio Enrico Letta. Una sedia vuota che parla. Che fa sentire come forse ormai la sua ora è giunta. Renzi ha ringraziato quello che ormai considera un “ex” premier per il lavoro svolto in una fase così delicata, affermando che serve un cambio di fase con un nuovo governo fino al 2018 in grado di attuare il piano di riforme. E per fare ciò il neosegretario si appella al suo partito per avere tutto il consenso e l’appoggio politico. Una sorta di cordata per uscire dalla palude.
Insomma Renzi sta staccando la spina al premier. Lo sta facendo però senza personalismi e polemiche, come ci tiene a precisare.
Abbandonati i toni polemici ha aggiunto: «Non faremo processo al governo, ma se siamo in condizioni di aprire pagina nuova».
Sul discorso elezioni ha precisato: «Non è un derby, siamo di fronte ad un bivio: è l’occasione chiara di tornare alle elezioni o possiamo trasformare questa legislatura in Costituente». «La strada delle elezioni ha una suggestione e un fascino». Ma «ancora oggi non abbiamo una normativa elettorale in grado di garantire la certezza della vittoria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano