9 C
Torino
sabato, 27 Febbraio 2021

Regionali in Piemonte, Lega insiste su Damilano, ma lui rifiuta

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left.

L’uomo del Carroccio per guidare la Regione Piemonte è lui: Paolo Damilano. La corte leghista per l’imprenditore è serrata. Negli uffici romani i parlamentari della Lega non parlano d’altro e nessuno di loro si è ancora arreso al candidato unico di centrodestra Alberto Cirio.

Il sottosegretario Giancarlo Giorgetti un mese fa aveva già chiesto a Damilano se fosse disponibile a correre, una candidatura forte per contrastare quella del centrosinistra di Sergio Chiamparino.

Damilano ha preso tempo, approfittando anche del fatto che sulla candidatura dell’eurodeputato Cirio pesava non poco l’incognita del rinvio a giudizio su Rimborsopoli bis. Ma scampato il pericolo e visto che Cirio ha dato la sua disponibilità i tempi stringono.

Lo sa bene il deputato leghista Benvenuto, che sta lavorando all’opzione Damilano costantemente. Da venerdì scorso a testa bassa. Ma senza risultato.

Già, perché l’imprenditore ha ringraziato, ma rifiutato l’offerta: vuole pensare alle aziende di famiglia. E quindi niente passo in avanti in politica.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano