14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Quattro ergastoli e una condanna a trent'anni per gli omicidi dell 'ndrangheta

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La corte d’assise di Torino ha condannato cinque imputati nell’ambito del processo su quattro omicidi compiuti dalla ‘ndrangheta. Quattro ergastoli e una pena a trent’anni.
I fatti risalgono a un periodo compreso tra il 1997 e il 1998, quando nel torinese vennero uccisi Antonio e Antonino Stefanelli e Franco Mancuso, per un regolamento di conti durante una faida tra famiglie ‘ndranghetiste.
I corpi non vennero mai trovati. Ora per quei delitti sono stati condannati, come detto, Rosario Marando, Giuseppe Santo Aligi, Gaetano Napoli e Natale Trimboli.
Trent’anni invece per Antonio Spagnolo, accusato di aver ucciso a colpi di pistola a Rivalta di Torino l’odontotecnico Roberto Romeo.
La corte ha anche disposto una provvigionale di 150mila euro per Maria Stefanelli, sorella di Antonino Stefanelli, parte civile nel procedimento. A sostenere l’accusa erano i pm Roberto Sparagna e Monica Abbatecola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano