19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Quanto cresce il mercato delle auto sinistrate

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Un mercato parallelo rispetto a quello tradizionale dei veicoli, che sta crescendo anno dopo anno per andare incontro alle necessità di una platea sempre più nutrita, ovvero i proprietari di aut che si ritrovano tra le mani una vettura reduce da un incidente che non può essere più utilizzata.
Ecco allora che entrano in campo soggetti attivi a vario titolo in questo settore, da aziende specializzate a privati passando per concessionari, meccanici e quant’altro. Il business è il medesimo, comprare direttamente dai legittimi proprietari vetture che abbiano subìto incidenti dai quali siano uscite compromesse.
In sostanza quando si parla di auto incidentate ci si riferisce a macchine che non siano più in grado di marciare, che abbiano riportato danni evidenti alla carrozzeria oltre che al motore. I vari intermediari che sono attivi nell’acquisto di auto sinistrate lo fanno per monetizzare in altri modi, dalla vendita delle parti di ricambio ad esempio che sembra essere un buon affare.

Il business delle auto sinistrate

C’è anche chi acquista auto incidentate per rimetterle in sesto e spedirle poi all’estero: il vantaggio per queste realtà è, ovviamente, quello di acquistare vetture, seppur incidentate, a prezzi molto bassi, per andare poi a guadagnare dalla vendita delle parti di ricambio o della vettura stessa, una volta rimessa a posto.
I veicoli reduci da incidenti, ridotti in condizioni più o meno disastrate, vengono rimessi in piedi a costi inferiori e poi rivenduti sui mercati esteri. Un business per chi fa impresa ma anche una fonte di guadagno per il legittimo proprietario che si ritrova tra le mani un veicolo sinistrato.
Macchine di questo genere non hanno più alcun appeal sui mercati ordinari, nessun privato acquisterebbe mai un veicolo che non è funzionante. Questi intermediari lo fanno, ed anche in tempi rapidi offrendo una trattativa in modalità istantanea con pagamento contestuale al passaggio, quindi immediato.
Il vantaggio per l’utente è quello di riuscire a togliersi un veicolo che, con tutti i danni riportati, diventerebbe esclusivamente un peso; il tutto in tempi stretti, evitando la lunga trafila fatta di annunci su siti e giornali di settore, appuntamenti con utenti più o meno interessati, lunghe trattative.
Le proposte di acquisto che ci si deve aspettare saranno in linea con lo stato del veicolo: quindi a cifre di molti inferiori rispetto a quello che poteva valere la macchina prima dell’incidente. Ma d’altra parte si parla di veicoli che sarebbe altrimenti difficile piazzare.  

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano