21.3 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Primarie Pd, per Lavolta sono troppe sette mila firme

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Enzo Lavolta dovrà raccogliere 7.000 firme entro il 23 maggio per potersi candidare alle primarie torinesi del centrosinistra del 12 e 13 giugno prossimi. E’ una strada che ha scelto, spiega all’agenzia Dire, proprio per la necessità che sente di aprirsi alla città e di non chiudersi tra gli iscritti. Ma Lavolta teme che l’asticella dei 7.000 autografi sia elevata: “C’è un giudizio unanime sulla sproporzione: raccogliere 7.000 firme in 3 settimane e’ un’impresa titanica, senza eguali. Se facessi il candidato di una lista qualunque mi basterebbero 750 firme. E poi il Pd ha 1.500 iscritti a Torino”. Se Lavolta cercasse le firme dentro il Pd, come fa il capogruppo in Consiglio comunale Stefano Lorusso, gliene basterebbero 540. Un regolamento figlio di quel partito che per Lavolta è la dimostrazione che è “troppo chiuso in se stesso”. Ma il dem non sembra preoccupato: “La raccolta sta andando bene, procede spedita. C’e’ una buona partecipazione, entusiasmo”. Ma bastera’? “Dirò quante firme ho raggiunto una volta a settimana, comincero’ martedi’ prossimo”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano