21.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Post antisemita di consigliera M5s, Appendino prende le distanze

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Un post pubblicato su Facebook fa finire la consigliera comunale Monica Amore al centro delle polemiche. Nell’immagine postata infatti si vedono i loghi delle testate appartenenti al gruppo editoriale Gedi e accanto le caricature di uomini ebrei raffigurati con il naso pronunciato, la Kippah in testa, la stella di David e un coltello insanguinato nascosto dietro la schiena e la Stella di David disegnata. Insomma, caricature usate e diffuse nel periodo più buoi dell’antisemitismo, tra fine ‘800 e gli anni Quaranta del ‘900. 

Un post condiviso con una sola frase: “Interessante” e poi cancellato dopo che la polemica era ormai scoppiata. 

Monica Amore si è prontamente scusata: “Non avevo assolutamente intenzione di pubblicare contenuti di quel genere, non mi sono accorta della vignetta mi scuso perché quando l’ho ricevuta ho solo pensato che ci fossero molto sponsor del Gruppo Gedi e mi sembrava interessante”.

Ma intanto la sindaca Chiara Appendino ha preso le distanze dal gesto dell’esponente della sua maggioranza: “La consigliera Monica Amore ha chiesto scusa per aver pubblicato un post, grave e del tutto inaccettabile, che ha già provveduto a rimuovere. Ribadisco da parte mia e della Città la più netta presa di distanza”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano