18.2 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Piemonte, assessore Caucino: “Sbagliato impedire incontri minori-famiglie”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“È sbagliato e dannoso per le famiglie impedire gli incontri in luogo neutro sostituendoli con le videochiamate, come ha deciso il Governo. Così l’assessore con delega alla Famiglia della Giunta Cirio, Chiara Caucino, che in Piemonte aveva preso la decisione opposta.

“Il 7 aprile – spiega Caucino – ho previsto che gli enti gestori dei servizi sociali piemontesi riattivassero gli incontri in luogo neutro tra i minori e le famiglie d’origine. Ovviamente, nella massima sicurezza. Ho destinato 5.000 mascherine chirurgiche in modo esclusivo ai territori, perché potessero ottemperare senza problemi alle mie disposizioni. Gli incontri dovevano essere ripresi alla luce del superiore interesse dei minori, e per i casi nei quali non si fosse potuto, i servizi avrebbero dovuto motivare la scelta”.

“La maggioranza che governa il Paese, tra le molte dimostrazioni di confusione, inadeguatezza e incapacità – aggiunge – può ora annoverare anche questa decisione, che lede i diritti delle famiglie e dei minori in modo gravissimo. Le famiglie sono inquiete e arrabbiate, mi manifestano ogni giorno la loro indignazione via e-mail e sui social”. “Scriverò al presidente del Consiglio, al ministro per la Famiglia, e ai capigruppo di maggioranza – aggiunge – per rappresentare il dolore delle famiglie piemontesi, ingiustamente penalizzate, e del legislatore regionale, limitato nella propria autonomia”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano