21.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Per la Cassazione non c'è prova di esistenza di 'ndrangheta in Piemonte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con l’annullamento della condanna di due imputati, Francesco D’Onofrio e Francesco Tamburi, la Corte di Cassazione con un colpo di spugna cancella la parola ‘ndrangheta dal Piemonte.
Secondo i supremi giudici il primo processo dell’inchiesta Minotauro non proverebbe che nella nostra regione siano presenti le cosche della mafia calabrese.
La sentenza che cancella il verdetto di secondo grado ordinandone un nuovo dibattimento spiega che «non è dubitabile che si siano verificati fatti di intimidazione indicativi dell’esistenza di una organizzazione criminale riconducibile a soggetti di origine calabrese di tipo mafioso» ma manca «la conferma dell’attività di cosche in un contesto organizzato in contatto con le case madri in Calabria».
In sintesi viene detto che ci sono state azioni criminose ma che non è ancora stato provato l’esistenza della mafia in Piemonte. Inoltre la Cassazione critica la Corte d’Appello perché non è riuscita a dimostrare l’esistenza di una banda chiamata “Crimine”, da cui prende il nome il filone del processo Minotauro.
D’Onofrio e Tamburi erano stati condannati in secondo grado rispettivamente a quindici e otto anni in quanto definiti esponenti di spicco della ‘ndrangheta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano