20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Pd e Dc? Basta con il passato…

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Periodicamente ricompare all’orizzonte il tentativo di riproporre esperienze politiche del passato. Normalmente, e per motivazioni politiche del tutto comprensibili, aleggia sempre la perenne formazione di una “nuova Dc”. E questo capita sia a livello locale e sia a livello nazionale.
Ora, è quasi scientificamente impossibile riproporre esperienze politiche e partitiche del passato. E questo per svariati motivi: storici, politici e culturali. Ma sarebbe anche politicamente miope pensare che la storia politica nel nostro paese si ripete in egual misura e con gli stessi strumenti. La Dc è stato un grande partito popolare, interclassista e di massa che va collocato in quella fase storica. In quelle alleanze internazionali, in quel sistema elettorale e nel rapporto concreto con quei partiti. Tra cui, sarebbe ridicolo negarlo, con quell’altro grande partito popolare e di massa che era il Pci. E chi, periodicamente, confonde un trasparente e vivace dibattito politico con la volontà permanente di dar vita ad un partito, o vive di nostalgia oppure confonde il desiderio con la realtà. E questo per un semplice motivo: con l’avvento del Pd – e, soprattutto, dopo la segreteria Renzi – è cambiata in profondità la geografia politica del nostro paese. Al punto che un intelligente politologo, Ilvo Diamanti, ha parlato a più riprese di un nuovo “partito della nazione”. Certo, possono esserci alcune somiglianze con un recente passato ma le cosiddette condizioni politiche sono saltate tutte: dal profilo politico del partito alla sua cultura politica, dalla natura della classe dirigente al quadro politico complessivo. Semmai, l’unico dato che si può prendere in considerazione è la garanzia che in un grande partito com’è il Pd permanga un forte pluralismo culturale interno. Come nella Dc esisteva un “centro”, una “destra” e una “sinistra”, così potrà essere per un partito che aspira ad essere per i prossimi anni una sorta di “partito della nazione” fortemente rappresentativo e largamente composito della società italiana. L’unico elemento che può avere un punto comune con il passato è questo ma il contorno politico rispetto alla prima repubblica è radicalmente cambiato.
Ecco perché la dialettica politica e culturale che si sviluppa in questi ultimi tempi attorno al Pd non mira affatto a mettere in crisi quel soggetto politico ma, al contrario, punta direttamente a renderlo ancora più forte e rappresentativo. Perché l’unico dato che qualifica e nobilita un partito è la salvaguardia e la valorizzazione del pluralismo interno. E questo sia per la ricchezza di idee e di valori che contribuiscono a definire il suo progetto politico e sia, soprattutto, per conservare quel carattere democratico e partecipativo del partito che in questi ultimi tempi nel nostro paese si è pericolosamente immiserito. E il Pd, oggi, ha tutte le caratteristiche per conservare quella ricchezza e quella specificità.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano