19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Passoni incontra gli storici De Luna e Albeltaro a Casa Gramsci

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Quali sforzi sono stati compiuti in questi anni per valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Torino? Quanto conta la conservazione della memoria industriale della città e il percorso di valorizzazione del suo patrimonio storico? Nel vivo della campagna elettorale Gianguido Passoni, Assessore al Patrimonio uscente, candidato di Progetto Torino, lista che sostiene Piero Fassino come primo cittadino, ha organizzato un incontro con  Giovanni De Luna, (professore ordinario di storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Torino) e lo storico e Marco Albeltaro.

L’originale iniziativa, che sarà aperta da Dunia Astrologo dell’Istituto Gramsci, è in programma  mercoledì 25 maggio 2016 alle ore 21, nei locali di Casa Gramsci, piazza Carlo Emanuele II 15.

Gli incontri (più approfondimenti che classici comizi) fino a ora promossi da Progetto Torino hanno riscontrato grande attenzione e “il pieno” nelle sale in cui  si sono svolti. L’attenzione dell’iniziativa parte dai luoghi fondamentali per la storia di Torino, sia in centro che nelle periferie, con una riflessione sulle passioni e l’impegno civile e politico dei suoi abitanti.

L’ assessore rivendica il positivo operato della giunta di centrosinistra nei passati 5 anni: «Questo – precisano i promotori – con progetti radicali  affrontati con serietà, competenza e continuità nella loro futura gestione». Nel dettaglio la tutela del patrimonio storico coinvolge la Torino Sabauda (Museo Pietro Micca, Cavallerizza Reale, Polo Reale), la Torino in lotta contro il Nazifascismo (la Caserma di via Asti, i rifugi antiaerei, il Polo del ‘900), la Torino (post)industriale (Parco Dora), la Torino popolare (la ricostruzione dello stadio Filadelfia, la riqualificazione dell’area della Cascina Continassa, il Motovelodromo).

La valorizzazione del patrimonio artistico e culturale cittadino non può non legarsi all’affermarsi della città come meta del turismo nazionale e internazionale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano