20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Parlare chiaro

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

Si potrà obiettare che lo sfogo di Paolo Foietta, commissario straordinario di governo e presidente dell’Osservatorio per la ferrovia Torino-Lione, sia stato dettato più che dal coraggio, dalla convinzione di essere ormai al capolinea, spacciato come si suole dire, un esodato vittima della furia iconoclasta del Movimento sociale Cinquestelle.

Ma non si può tuttavia negare a Foietta di avere avuto un’impennata d’orgoglio personale con il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, meglio noto come il “gaffeur di Soresina”, dal comune in provincia di Cremona dov’è nato, per la irruenza nell’esercitare il diritto di parola senza ridestare dal profondo sonno i neuroni del suo pur dotato e dottato cervello.
Che cosa ha detto Foietta per destare l’attenzione di un vecchio corsaro che ne ha viste tante, forse troppe in mare e per terra? In sintesi poche, ma concrete riflessioni.
1) Il ministro Toninelli ha un ego ipertrofico incurabile se ha deciso di passare alla storia “per essere riuscito a privare l’Italia dell’unico collegamento ferroviario internazionale con l’Europa occidentale. E a chiudere dopo 150 anni il primo traforo delle Alpi”.
2) Il ministro Toninelli deve avere un serio problema di identità nel rapporto con il Vecchio continente se “altri tunnel ferroviari delle Alpi, ben più recenti rispetto a quello del Fréjus aperto nel 1871, sono stati ormai sostituiti ai confini con Svizzera e Austria da nuovi tunnel di base, sicuri e competitivi”.
3) Il governo, sempre più affascinato della “decrescita felice”, continua a suonarsela e a cantarsela felice di rimanere fermo e statico, dimenticandosi che l’immobilità tendenzialmente fa più da anticamera alla morte che alla vita. Del resto, se si continua così, l’Italia può anche dire “bye-bye” alla competitività del Nord Ovest.
Foietta ha parlato chiaro. Adesso tocca farlo al Paese nel suo insieme o a quella parte che crede ancora nel suo sviluppo, e dire esplicitamente che cosa pensa di questi nuovi Robison Crusoe in salsa grillina che hanno deciso di confinarci tutti su isole deserte in attesa di scambiare due chiacchiere, come nel romanzo di Daniel Defoe con il Venerdì di turno.
Anche perché, considerato le loro frequentazioni al Viminale, il Venerdì nero li verrebbe negato…

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...