15.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Palazzo di Città vicino alla decisione, le circoscrizioni diventeranno sei

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sarà solo una sperimentazione, ma a quanto pare, la riforma potrebbe essere varata entro dicembre ed entro il 2016 le circoscrizioni di Torino potrebbero definitivamente ridursi a 6, escluso il centro che come sul modello londinese, potrebbe diventare una piccola “city”, o meglio una “Zucs”, zona urbana centrale storica.
Il centro, più piccolo, andrà a coincidere con la zona a traffico limitato (ztl) e sarà gestita direttamente da Palazzo Civico.
Il progetto, di cui si parla da tempo, è stato discusso ieri in un incontro con la maggioranza durante il quale l’assessore al Bilancio Gianguido Passoni ha illustrato la bozza ai colleghi.
Non è stato facile secondo Passoni disegnare i nuovi confini, per i quali si è dovuto tenere conto di diversi fattori fondamentali come ad esempio le Asl del territorio, ma l’assessore si dice soddisfatto del risultato del progetto finale secondo il quale il Comune di Torino riuscirà ad alleggerirsi di una mole di lavoro troppo impegnativa. Le circoscrizioni inoltre, una volta ridotte, diventerebbero piccoli centri urbani più popolosi e più incisivi.
«Nella riunione di ieri – spiega Guido Maria Alunno vice capogruppo Pd in Comune – abbiamo soltanto rivisto alcuni aspetti del primo progetto di Decentramento, già emersi sia nella prima bozza varata da Passoni, sia durante il lavoro della commissione speciale presieduta da Laura Onofri del Pd. In seguito alle forti pressioni da parte delle circoscrizioni, di aumentare i numeri – conitnua Alunno – abbiamo scelto la soluzione del 6+1 proprio per trovare un giusto compromesso. In questo modo il centro di torino non sarà una vera e propria circoscrizione, (come avveniva già prima tra l’altro), ma un centro aulico, in quanto privo ad esempio di centri sportivi ma ricco di musei e centri d’interesse, e cuore del turismo torinese».
«Ogni circoscrizione – conclude Alunno – avrà un presidente e quattro assessori locali, e il nostro obiettivo è quello di varare la riforma entro la fine del 2014».
Le nuove circoscrizioni previste dal progetto:
I circoscrizione: zona che va va da San Salvario a una parte di Mirafiori Nord e il lungo Po a ridosso della collina, fino a San Mauro.
II circoscrizione: zona Nord Est inclusa nei confini del Po, corso San Maurizio, corso Regina Margherita e via Cigna.
III circoscrizione: zona Nord Ovest, delimitata da via Cigna, corso Regina Margherita e la Dora per poi imboccare strada della Pellerina.
IV circoscrizione: zona al di sotto di corso Regina, racchiusa da corso Principe Oddone, corso Francia, corso Monte Cucco, corso Peschiera, corso Trapani, corso Rosselli e via Tirreno, fino al tratto dopo Parco Ruffini.
V circoscrizione: zona da corso Rosselli, fino a ridosso del centro, includendo Porta Nuova corso Vittorio, corso Inghilterra, e corso Francia.
VI circoscrizione: zona sud, più vasta delle altre e delimitata da corso Rosselli, corso Unione Sovietica e via Onorato Vigliani.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano