19.7 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Ottocento firme contro i parcheggi a strisce blu alla Spina 1

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Quasi ottocento firme contro i parcheggi a strisce blu nella zona della Spina 1. Si è svolta stamattina a Palazzo di Città la discussione per il diritto di tribuna con cui i residenti delle zona, al confine tra la circoscrizione 2 e la circoscrizione 3, protestano contro l’ipotesi dei posteggi a pagamento nell’area compresa tra largo Orbassano, corso Adriatico, corso Racconigi, piazza Marmolada, corso Lione e corso Mediteraneo. Una possibilità contro cui gli abitanti della zona, introdotti oggi dal vicepresidente del Consiglio Comunale Silvio Magliano, non sono d’accordo.
La zona, dicono, «è ricca di abitazioni e povera di uffici, negozi e fabbriche. A cosa servirebbero quindi le strisce blu, se non a creare un’ulteriore tassa che andrebbe a pesare sulle tasche dei cittadini. Gli introiti, d’altra parte, sarebbero davvero pochi». La situazione, secondo i firmatari, è particolarmente delicata negli interni di corso Rosselli dove le auto, soprattutto nelle ore notturne, devono essere parcheggiate in palese violazione del codice della strada per carenza di spazi, senza che nelle immediate vicinanze ci sia la possibilità di parcheggi alternativi».
Ma le ventilate (e temute) strisce blu sarebbero solo la goccia che fa traboccare il vaso in una serie di episodi di mal gestione che caratterizzerebbero da anni la zona. La Spina 1 e le strade vicine, infatti, sarebbero state considerate dalle varie amministrazioni che si sono susseguite «un’area periferica e poco interessante» e questo avrebbe determinato «scelte impopolari a favore del centro di Torino», con la conseguente disomogeneità «sia dal punto di vista urbanistico sia da quello della viabilità». A tutto ciò si aggiungerebbe «la possibilità che vengano presto iniziate opere pubbliche, come le fogne bianche e i marciapiedi in corso Rosselli e il parco pubblico in piazza Marmolada, che renderanno inagibili altri parcheggi vicini, con la conseguenza di dirottare la auto sulle strisce blu».
Ora la questione verrà discussa in commissione consigliare, probabilmente dopo le vacanze di Natale.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano