19.7 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Omicidio Musy, sciopero della fame di Furchì: “Sono innocente”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è da sempre proclamato innocente. Dice di non essere lui quell’uomo con il casco immortalato dalle telecamere pochi istanti prima che Alberto Musy venisse ferito a colpi di pistola. Ferite che l’avrebbero portato alla morte dopo 19 mesi di coma.
Francesco Furchì, l’unico imputato per quanto accaduto il 21 marzo 2012, si è sempre difeso. Ma oggi ha deciso di mettere in attore una azione eclatante: dopo un anno di carcere rifiuta il cibo. Uno sciopero della fame che va avanti da due giorni, una protesta per una detenzione ingiusta, fa sapere Furchì, accusato di omicidio volontario aggravato.
Per il momento beve solo acqua. Ritornerà in aula il 25 febbraio per l’udienza preliminare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano