18.6 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Omicidio ai Murazzi, gli ispettori a Torino per capire come mai l’assassino di Leo fosse libero

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono arrivati questa mattina al Palazzo di Giustizia “Bruno Caccia”  di Torino gli ispettori inviati dal ministero per capire come mai Said Mechaquat, il 26settenne che ha confessato di aver assassinato il 23 febbraio Stefano Leo sul lungo Po, ai Murazzi, e che si trovava a piede libero nonostante una condanna definitiva a 18 mesi, senza condizionale, per maltrattamenti in famiglia.

Gli ispettori incontreranno  il presidente della Corte d’appello, Edoardo Barelli Innocenti e poi incominceranno il loro lavoro, esaminando i documenti del caso e ascoltando i magistrati e personale amministrativo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano