13.2 C
Torino
mercoledì, 25 Maggio 2022

Nuova Ztl a Torino, Lapietra: “Nessuna retromarcia”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’assessora ai Trasporti del Comune di Torino, Maria Lapietra, ha spiegato all’ANSA, per quanto riguarda la nuova Ztl, non c’è nessun ripensamento da parte dell’amministrazione Appendino.
“Non c’è nessuna retromarcia sul progetto Torino Centro Aperto. Non abbiamo messo la Nuova Ztl nel cassetto, andiamo avanti. Potrà cambiare al massimo qualche formulazione, legata a una mobilità più flessibile”.

 “Il Coronavirus ha dato una spinta epocale verso la mobilità sostenibile, le esigenze delle persone ora sono diverse. Noi valuteremo questo cambiamento e andremo avanti sulla nostra strada”

L’assessora ai Trasporti, Maria Lapietra continua: “Il modello attuale non ha alcun senso, è rigido, dura soltanto tre ore, dalle 7.30 alle 10,30, e non serve a nessuno, nemmeno al commercio visto che i negozi sono chiusi. Ora la Ztl è sospesa fino al 31 agosto, ma poi servirà un modello diverso che permetta di gestire gli accessi a seconda delle fasce orarie. I varchi non cambieranno, le tecnologie saranno fondamentali”

Il progetto Torino Centro Aperto prevede la possibilità di entrare nell’area Ztl senza pagare nulla se si ha un’auto ecologica, oppure pagando fino a un massimo di cinque euro in base alla durata della sosta.

“Non è un ticket per entrare, ma un permesso legato alla fruizione della sosta, senza ulteriori costi. Oggi 60.000 persone entrano ogni giorno in Ztl, ma la sosta la pagano in 6.000″, sottolinea Lapietra che aggiunge che”Non solo la Ztl, ma tutta la mobilità è da rivedere dopo il Coronavirus. Stiamo analizzando i flussi di traffico, valuteremo i nuovi orari, l’organizzazione delle scuole. Siamo di fronte a un modello molto più resiliente ed elastico”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano