14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Nosiglia: "A Torino qualcuno ha tratto vantaggio dalla crisi"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
Nelle crisi c’è sempre chi ci guadagna anche sotto la Mole.  L’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia, denuncia : «C’è una parte di Torino  che dalla crisi ha tratto anche qualche vantaggio  se è vero che in questi ultimi si è registrato un aumento dei depositi bancari».  L’appello di Nosiglia chiede che vengano privilegiati gli investimenti produttivi, quelli diretti a lavoro e imprese.
Nel suo commento precisa: «Il principio  che i soldi si fanno con i soldi e dunque con l’accumulo ed il possesso, mantiene la sua innata forza di convincimento a scapito di investimenti produttivi, ma anche più rischiosi, sul lavoro e le imprese».
La realtà è che il vero dramma è il crollo degli investimenti produttivi, per non parlare di quelli dall’estero. Senza una svolta decisa le decantate start up e le magie della Smart City  resteranno piccoli prototipi  in un contesto di persone e famiglie sempre più povere.   Il monito di Nosiglia ricorda gli strali di Lenin prima della rivoluzione d’ottobre, contro coloro che vivevano stracciando cedole delle obbligazioni: gli odiati rentiers.
E’ comunque un dato che gli unici che si siano arricchiti in questi anni di crisi siano investitori in genere over 65 particolarmente presenti nel business edilizio immobiliare.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano