13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

No Tav, Giorgio Vair: “Mezza Italia ci aiuterà a risarcire la Ltf”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Mezza Italia si mobiliterà per aiutarci a risarcire la Ltf». Non ha dubbi Giorgio Vair, vicesindaco di San Didero in Val di Susa, condannato assieme al primo cittadino Loredana Bellone e al leader del movimento No Tav, Alberto Perino, a risarcire la società Lyon Turin Ferroviarie con oltre 214mila euro. Una somma che il giudice ha stabilito che i tre dovranno versare per aver ostacolato, nel 2010, i sondaggi geognostici per la nuova ferrovia Torino–Lione, a Traduerivi di Susa.
«Se ci sarà bisogno 10, 20 mila persone verseranno la loro offerta: sarà un altro smacco alla politica che ruba – aggiunge Vair – I nostri legali fanno ricorso, ma siamo pronti a raccogliere, attraverso un impegno collettivo, il denaro stabilito in questa vicenda assurda, architettata per colpire il movimento No Tav. Faremo ancora una volta sentire tutta l’opposizione, non solo del movimento No Tav, alla politica che governa trattando con i poteri forti e sprecano il denaro pubblico per opere inutili».
Intanto i militanti si preparano ad allestire un nuovo presidio a San Didero, nell’attesa della manifestazione nazionale in programma per il 22 febbraio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano