18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

No Tav, chiesti 9 anni per il reato di terrorismo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Quarant’anni di carcere in tutto, nove e sei mesi a testa: è questa la richiesta della procura di Torino per i quattro attivisti No Tav accusati di terrorismo per l’attacco al cantiere di Chiomonte della notte del 13 maggio 2013.
Per i pm Antonio Rinaudo e Andrea Padalino quanto accaduto quella notte è un vero e proprio “atto di guerra”, «Violenza armata e organizzata in modo paramilitare per acquisire consensi e per costringere lo Stato a retrocedere». Non solo, i due magistrati, parte del pool per i reati legati alla Tav, l’attacco avrebbe provocato un “grave danno all’Italia attaccando con violenza una scelta politica ed economica di uno Stato democratico».
Per quell’episodio Chiara Zenobi, Mattia Zanotti, Niccolò Blasi e Claudio Alberto sono in carcere dallo scorso dicembre.
Intanto gli attivisti del movimento No Tav nella giornata di sciopero sociale del 14 novembre si sono dati appuntamento alle 17 a Chiomonte «per farci sentire e per rinnovare ancora una volta una promessa di lotta che non si può fermare con sbarre, prigioni, aule dei tribunali o con il filo spinato di un cantiere».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano