15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

No allo sgombero dell'ex Moi: corteo sabato 14 marzo per i diritti dei profughi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un’unica parola d’ordine: “No allo sgombero dell’ex Moi”. Dietro questo slogan sabato, 14 marzo alle 15, da piazza Carlo Felice a Torino, si ritroveranno gli occupanti e i solidali delle palazzine Olimpiche. Qui vivono da alcuni anni i profughi del progetto “Emergenza Nord Africa”, finanziato dalla comunità europea per i rifugiati dalle guerre in Libia, in particolare.
Alla fine del programma di assistenza si sono ritrovati per strada, senza una casa. Così si sono trasferiti all’ex Moi, i vecchi mercati generali del quartiere Lingotto, che nel 2006 ospitava gli atleti delle Olimpiadi invernali. Ma quando la fiamma olimpica si è spenta queste palazzine sono state lasciate al proprio destino. Abbandonate, a limite del degrado. Al punto che non fu possibile per gli organizzatori di Paratissima, nel 2014, tornare in questa location, che era avvenuto in passato.
Su richiesta della Procura di Torino, il gip Luisa Ferracane ha sequestrato nel gennaio scorso le palazzine. Quindi il pericolo di sgombero da alcuni mesi è reale.
«Ad oggi – spiegano nell’appello gli occupanti – non è pervenuta nessuna proposta d’ incontro, né agli abitanti o ai loro rappresentanti, né al nostro comitato di solidarietà. Non è dato sapere cosa sarà dei palazzi che molti chiamano casa». «A parte il dialogo con la Circoscrizione IX – continuano – la politica si è distinta per il silenzio totale e l’aggressività razzista, per cui sono seguiti la manifestazione anti-rifugiati, la visita provocatoria dei consiglieri comunali di Fratelli d’Italia, Lega Nord e Forza Italia e infine la manifestazione della Lega Nord guidata da Matteo Salvini».
Ma non solo contro lo sgombero dell’ex Moi sabato scenderanno in piazza. Le richieste dei manifestanti riguardano anche la richiesta di un permesso di soggiorno a lungo termine, la libertà di movimento in Europa, lavoro e il riconoscimento della residenza in via Comunale 3.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano