8.3 C
Torino
giovedì, 29 Settembre 2022

‘Ndrangheta: inchiesta Fenice, no ai domiciliari per Burlò

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Tribunale di Asti ha respinto la richiesta di Mario Burlò, imprenditore torinese in carcere dallo scorso dicembre nel quadro dell’inchiesta di ‘ndrangheta chiamata Fenice, di essere messo agli arresti domiciliari.

L’operazione Fenice riguarda la ricostituzione di una ‘ndrina nella zona di Carmagnola. Il processo, celebrato dal tribunale astigiano, è cominciato la scorsa settimana ed è stato unito a quello chiamato Carminius. Uno degli imputati è l’ex consigliere regionale Roberto Rosso, accusato di voto di scambio politico-mafioso, al quale i domiciliari sono stati concessi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano