16.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

'Ndrangheta in Piemonte, chiesta la conferma per 19 condanne

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Continua a fare discutere la sentenza in primo grado del processo “Albachiara”, avvenuto nell’ottobre 2012. Oggi, la Procura generale presso la Cassazione ha chiesto la conferma delle 19 condanne pronunciate dalla Corte d’Appello di Torino nel processo sulla presenza della ‘Ndrangheta nel Basso Piemonte.
Gli imputati in primo grado, tra cui figura un ex consigliere comunale del Pdl ad Alessandria, erano stati assolti. Il giudice nel suo intervento, ha fatto presente che in materia di criminalità organizzata «esiste un problema giuridico» e che «la giurisprudenza non è univoca».
È giusto ricordare come quella sentenza in primo grado di tre anni fa rimase viva nella mente delle persone per la singolarità delle motivazioni dell’assoluzione totale per tutti gli imputati poiché per il Gup Massimo Scarabello, pur ammettendo l’esistenza di una cellula di ‘Ndrangheta nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo, non c’erano elementi essenziali dell’organizzazione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano