18.1 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Musicastelle, la Valle d’Aosta palcoscenico dell’estate fra musica e natura

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Valle d’Aosta sarà il teatro dei concerti di maggior tendenza dell’estate 2023. Con Musicastelle va in scena l’affascinante binomio musica e natura, dove gli artisti si esibiscono ad alta quota, facendo immergere il pubblico fra i suoni che si librano tra i panorami mozzafiato più alti d’Italia.

Sei i concerti outdoor gratuiti, dove la priorità di accesso è garantita a chi prenota un soggiorno sul portale regionale bookingvalledaosta.it per vivere, a suon di musica, l’esperienza di un week-end ricco di emozioni.

È l’estate, infatti, il momento migliore per scoprire itinerari sulle Alpi valdostane, cogliendo l’occasione di ammirare le montagne più iconiche dove si svolgono i concerti e approfittando delle tante proposte di trekking per chi desidera vivere in armonia con la natura, fra aree protette e oltre 5.000 chilometri di sentieri con zaino in spalla e attività en plein air. Non da meno sono possibili gite ed escursioni in mountain bike per gli appassionati di pedalate.

Musicastelle apre la stagione sabato 17 giugno alle ore 15 con i Coma Cose a Plan de Moudzons. Lo splendido pianoro è situato a 2.100 metri di quota, con vista mozzafiato sul Col Serena e Col Malatrà nel comune di Saint-Rhémy-en-Bosses, e attraversa la Valle del Gran San Bernardo.

Un luogo iconico per eccellenza, che è possibile raggiungibile attraverso una piacevole camminata nel bosco di 30/40 minuti, partendo dalla stazione Arp de Jeux, dove si arriva in seggiovia da Crévacol. Per i più sportivi, da Saint-Rhémy-en-Bosses, rinomato per  il pregiato prosciutto DOP – lo Jambon de Bosses – partono numerosi itinerari a piedi, tra cui  quello verso il Col Malatrà, lungo l’Alta Via 1, o in MTB.

Il secondo appuntamento musicale è con Fabio Concato sabato 1 luglio alle ore 15, affacciati su uno degli specchi d’acqua più belli e fotografati della Valle d’Aosta: il lago d’Arpy  a 2.066 metri di quota, con vista sul Grandes Jorasses del massiccio del Monte Bianco.

Il lago si raggiunge con una facile e piacevole camminata di 45 minuti dal Colle San Carlo – raggiungibile in auto sia da Morgex che da La Thuile – con un’escursione per tutti. Un’oasi di bellezza, ideale per respirare l’aria frizzante della montagna e rilassarsi al sole fra gli sconfinati prati, dove godere anche di un bel pic-nic.

Per i più volenterosi, il Lago d’Arpy rappresenta un punto ideale per trekking da non perdere verso nuove e più impegnative mete, per esempio alla scoperta di un intero anello che si snoda fra Colle San Carlo – Largo d’Arpy – Colle Croce e ritorno.

Domenica 9 luglio alle 15 vanno, invece, in scena gli Eugenio in Via Di Gioia a Rhêmes-Notre-Dame, nel territorio del Parco Nazionale del Gran Paradiso, in località Fos, a 1.725 metri d’altitudine. Con la Granta Parey  sullo sfondo, questo è un luogo che ha mantenuta intatta la sua architettura tipica, con case in legno e pietra, al centro di una vasta conca di prati.

Per chi desidera raggiungere soltanto la location del concerto bastano 30 minuti di facile camminata e di dislivello non impegnativo, partendo dall’area parcheggio in prossimità di Thumel.

Per chi ama i rifugi, anche in notturna sotto un cielo affollato da milioni di stelle, è possibile raggiungere il Rifugio Benevolo: in poco più di un’ora, si prosegue così verso un “romantico” week end.

Sabato 15 luglio alle ore 15 sarà, poi, il gruppo musicale indie rock dei Baustelle, protagonisti alla Conca di By, in Valpelline. Un piccolo paradiso nel Comune di Ollomont, su un pianoro di pascoli verdeggianti con un lago a 2.000 metri di quota, raggiungibile partendo da Glacier con un’escursione di meno di 2 ore  e 500 metri di dislivello.

La Valpelline – che dà il nome alla tipica zuppa valdostana – in estate offre numerosi percorsi a piedi, dalle passeggiatenella vallata alle escursioni alpinistiche sulle cime più alte, tra cui la gita al Rifugio Prarayer lungo la diga di Place Moulin.

Dopo una pausa agostana, Musicastelle riprende domenica 10 settembre alle ore 14 con il rocker Piero Pelù, che si esibirà nel prato del campo di tzan di Erésaz, sullo sfondo di una splendida vista sulle vette: dalla Rosa dei Banchi al Mont Emilius, fino al Monte Bianco. Facilmente raggiungibile in soli 20 minuti a piedi dal Col d’Arlaz, o con una camminata di circa 1 ora e un quarto lungo un sentiero attraverso il bosco delle fate. Un’occasione per non farsi sfuggire una delle località più piccole e meno conosciute in Val d’Ayas: Emarèse.

Il calendario di Musicastelle 2023 vede ancora sabato 30 settembre ore 12.00 Alex Britti nella località di Coumarial a 1.440 metri. Punto di partenza per numerose escursioni verso la Riserva Naturale del Mont Mars, piccola perla delle Alpi all’inizio delle Valle del Lys, che rappresenta la più grande tra le riserve naturali istituite in Valle d’Aosta. Circa 390 ettari alla testata del vallone del torrente Pacoulla, con un’altitudine che va dai 1675 metri dalla frazione Pillaz ai 2.600 della cima del Monte Mars, in una varietà di ambienti alpini quali boschi, pascoli, praterie, pareti rocciose e laghi.

Vista la particolarità delle location, raggiungibili solo a piedi o tramite impianti di risalita, è previsto un limite massimo di partecipanti.

Un’esperienza unica e speciale, quella di Musicastelle: solo musica e natura!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano