7.7 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Museo della Resistenza, Boeti: “Inaccettabile che gli stipendi siano a rischio”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Il grido di allarme del Museo Diffuso della Resistenza non può restare inascoltato. Non è pensabile che nel mese di luglio non vengano pagati gli stipendi del personale che vi lavora, soprattutto per ciò che questo Museo rappresenta nella storia e nella memoria della Città di Torino e della nostra Regione».

Con una nota, Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte e presidente del Comitato Resistenza e Costituzione. «Ho parlato con l’assessore regionale al Bilancio, Aldo Reschigna, che mi ha assicurato che la Regione pagherà rapidamente quanto ancora di sua spettanza – aggiunge Boeti – Chiedo al Comune di Torino di fare altrettanto. È comprensibile la difficoltà di cassa che riguarda sia il Comune sia la Regione ma ci sono tematiche che esulano dalla normale amministrazione: il Museo Diffuso della Resistenza ha un valore raggiunto in quanto al centro delle garanzie democratiche del nostro Paese».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano