11.4 C
Torino
giovedì, 13 Giugno 2024

Muore d'infarto al Caat, Stefano Esposito dà la colpa ai centri sociali

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il primo a commentare la morte dell’ambulante di 49 anni stroncato da un infarto davanti ai cancelli del centro agroalimentare, il Caat di Grugliasco, è il senatore del Partito Democratico Stefano Esposito. Visto il clima di tensione che si respirava nella notte tra blocchi dei facchini e le cariche delle forze dell’ordine, Esposito individua nel movimento antagonista una responsabilità. «Non si può parlare di omicidio, ma sicuramente ogni volta che esponenti del centro sociale Askatasuna, si intrufolano in qualche manifestazione – scrive il senatore del Pd – succede qualcosa di negativo o violento».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano