3.1 C
Torino
venerdì, 28 Gennaio 2022

Monica Cerutti (Sel): "Venerdì verrà aggiustata la caldaia al Cie"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo il video pubblicato dal deputato di Sinitra Ecologia Libertà Giorgio Airaudo e dai consiglieri di Sel Marco Grimaldi (in Regione) e Michele Curto (in Comune), che chiedevano l’immediata chiusura del Cie di corso Brunelleschi, anche l’assessore regionale di Sel con delega all’immigrazione Monica Cerutti ha effettuato un sopralluogo. Assieme a lei, il garante dei Detenuti regionale Bruno Mellano, per verificare, tra le altre cose, l’emergenza freddo data anche dalla rottura di una caldaia otto giorni fa.
«Dopo le segnalazioni dei giorni scorsi in relazione alla rottura della caldaia ho potuto constatare che tra questa mattina e il pomeriggio la situazione è stata temporaneamente risolta grazie all’intervento dei manutentori – afferma la Cerutti – La notizia importante è che già venerdì dovrebbero cominciare i lavori che porteranno alla sostituzione dell’attuale caldaia con una nuova. Insieme al Garante dei Detenuti regionale abbiamo visitato gli stanzoni dentro i quali risiedono gli ospiti del Cie e abbiamo potuto verificare che la temperatura ambientale e quella dell’acqua è a norma».
«Rimango in attesa di comprendere come intenderà gestire la struttura la nuova cooperativa che dovrebbe sostituire la Croce Rossa Italiana. Al momento i nuovi gestori hanno affiancato solamente per una settimana gli operatori della Croce Rossa e ne effettueranno una seconda dal 7 gennaio. Sicuramente vorrò conoscere il prima possibile i nuovi gestori del Cie» ha continuato.
Per concludere: «Queste considerazioni le faccio a prescindere dal fatto che la struttura sono convinta debba essere superata per i limiti evidenti che ogni volta constatiamo. Invece di investire delle risorse per sistemare i danni e aumentare la capienza per l’ennesima volta crediamo che questi soldi insieme a quelli impegnati per la gestione debbano essere utilizzati per mettere in campo vere politiche sull’immigrazione».

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano