24.7 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Mediterraneo, 330 migranti morti. Operazione Triton bocciata

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è aggravato, ora dopo ora, il bilancio dei gommoni naufragati nel mar Mediterraneo. Dai 29 morti assiderati si è arrivati a circa 330 morti. L’entità della tragedia è stata possibile quantificarla con l’ausilio dei racconti dei 9 superstiti recuperati in mare da un mercantile italiano e giunti stamattina a Lampedusa su una motovedetta della Guardia costiera.
Quattro i gommoni partiti dalla Libia e naufragati, ognuno con un centinaio di persone a bordo, per un totale di 420 migranti. Flavio Di Giacomo, portavoce in Italia dell’Oim (Organizzazione mondiale per le migrazioni), ha spiegato: «Di questi 4 uno è il gommone soccorso dalla Guardia Costiera lunedì (con 105 persone a bordo) e che ha visto la morte per ipotermia di 29 migranti. Altri due gommoni (con 105 e 107 persone) sono naufragati e i 9 sopravvissuti in mare sono stati soccorsi da un mercantile (e poi trasbordati su un rimorchiatore) e portati stamattina a Lampedusa. Il quarto gommone non sarebbe mai stato avvistato, ma i sopravvissuti affermano che a bordo ci sarebbero state altre 100-105 persone, tutte presumibilmente disperse». I naufraghi, la maggior parte dei quali ha trovato nel Mediterraneo la morte, erano in prevalenza giovani uomini, provenienti dai paesi subsahariani, in particolare Mali, Costa d’Avorio, Senegal e Niger: la Libia sarebbe stata per loro soprattutto un luogo di transito, perché sembra che solo alcuni lavorassero da tempo lì, decidendo in un secondo momento di partire alla volta dell’Europa. Di Giacomo, ricostruendo l’evolversi del gigantesco dramma consumatosi ieri, ha riportato quel che i sopravvissuti hanno detto appena arrivati: «Hanno raccontato di essere stati costretti a salire sui gommoni con la forza, minacciati da bastoni e pistole, e derubati dei loro avere da parte dei trafficanti».
Il giorno dopo l’ultima ecatombe di migranti trova ancora una volta spazio, in Italia, in Europa, il micidiale binomio delle colpe: da una parte la tratta di essere umani mossa dai cinici e criminali trafficanti, che hanno fatto partire i quattro gommoni in condizioni assolutamente proibitive, con il mare a forza 7 e con onde alte 8 metri, dall’altra invece l’Unione Europea e le sue istituzioni, che nel panico dell’ennesima tragedia e nel disagio della farsesca impotenza, hanno già condannato la novella operazione Triton, che avrebbe dovuto implementare con sicuro successo quella di Mare Nostrum. Nils Muiznieks, commissario dei diritti umani del Consiglio d’Europa, in una nota ha emesso la sua pesante sentenza: «l’operazione Triton non è all’altezza» dei compiti che deve svolgere e «l’Europa ha bisogno di un sistema di ricerca e salvataggio efficace».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano