13.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Medici del Piemonte: “La Regione si è dimenticata dei suoi eroi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nella manovra da 800 milioni di euro del ‘Riparti Piemonte’ “non è stato trovato spazio per un finanziamento, anche minimo, delle istanze presentate negli ultimi mesi”. Lo affermano gli Ordini dei medici delle province piemontesi, secondo cui le carenze del sistema denunciate nel corso degli anni “state messe drammaticamente in luce dall’emergenza sanitaria”.

La richiesta economica avanzata, ricordano gli Ordini provinciali dei Medici, era di “5 milioni da destinare alla formazione medica, lo 0,6% del totale. Nonostante siano stati fatti molti annunci in merito alla volontà di finanziare 50 borse di specializzazione, ad oggi il finanziamento è bloccato ai 15 contratti dello scorso anno, senza nessuno stanziamento ulteriore di risorse”, aggiungono i rappresentanti dei medici, che parlano di “carenza di specialisti” e di “medici del territorio”.

“L’auspicio è che prevalga il buon senso e che l’attuale giunta della Regione Piemonte riveda gli investimenti da destinarsi alla formazione medica e che agisca prontamente per l’attivazione e l’ampliamento della rete formativa ospedaliera regionale – concludono gli Ordini provinciali dei Medici – al fine di scongiurare un futuro del Piemonte senza Medici piemontesi, che fino a qualche settimana fa erano ‘Eroi’ e che oggi sono già stati dimenticati”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano