20.5 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Mascherine inutili e a norma: come riconoscerle

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo l’iniziale crisi nella ricerca di mascherine, sembra ad oggi siano molto più reperibili da parte dei cittadini.

Molte volte però sono messe in commercio tipologie di queste non a norma.
Stando al decreto Cura Italia del 17 marzo 2020 (n.18 Art.15 Co.2), la validazione straordinaria delle mascherine chirurgiche spetta all’Istituto Superiore di Sanità, mentre per quelle FFP2 e FFP3, cioè con filtri, il compito è assegnato all’INAIL fino a fine emergenza.
Le mascherine possono poi essere suddivise ancora in ulteriori tre sottocategorie vale a dire: chirurgiche, dispositivi di protezione individuale e semi-maschere con filtri intercambiabili.

Sono state messe in vendita delle mascherine chirurgiche con grado di filtraggio FFP2, palesemente non idonee dato che se sono chirurgiche non possono essere anche FFP2. Altri dispositivi falsi e inidonei sono tutte le FFP2 e FFP3 vendute senza la validazione da parte dell’INAIL e talvolta accompagnate da certificazioni di conformità in cinese.
Il consiglio delle istituzioni è quello di chiedere sempre al venditore di voler visionare la certificazione di qualità del prodotto che sta comprando, dalla sua il commerciante è obbligato a fornirla.

Altri obblighi per i venditori che si riforniscono dall’estero sono: verificare che chi le fabbrica abbia eseguito la giusta procedura di validazione di conformità e controllare la veridicità dei certificati scritti in lingua straniera.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano