19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Lettera aperta dei lavoratori GTT: “Riaprire i Centri Servizi Cliente”

Più letti

Nuova Società - sponsor
L'opinione
L'opinione
Le opinioni di Nuova Società. Per dare un vostro contributo scritto, dire la vostra, scriveteci a redazione@nuovasocieta.it oppure al direttore a.doi@nuovasocieta.it

Riceviamo e pubblichiamo:

C’ERANO UNA VOLTA I CSC: Ve li ricordate i Centri Servizi Cliente? Quegli uffici dove si rinnovavano gli abbonamenti, i permessi di sosta e ZTL, cambi biglietti, vendita dettaglio etc… si proprio quelli .. ve li ricordate?

Tutti i rinnovi abbonamenti (formula annuali, 65+ mensili e annuali, disoccupati, under 26 annuali ) sono bloccati, per poterli effettuare serve presentare mod. Isee e non si possono fare on line, o nelle rivendite, ma solo negli uffici GTT.

Molti chiedono i rimborsi degli abbonamenti non utilizzati, ma al momento nulla è stato deciso in merito.

La prossima riapertura della sosta a pagamento comporterà la corsa agli abbonamenti, anche in funzione della previsione fatta da ASSTRA – Associazione Trasporti dell’inevitabile aumento dell’utilizzo del trasporto privato.

Per evitare gli afflussi che hanno sempre caratterizzato da sempre questi uffici, serve progettare un sistema diverso, serve incentivare la gestione delle pratiche in remoto, ma per farlo servono i lavoratori, formati e pronti.

NESSUNO ne parla!
Eppure di telefonate e richieste di riapertura dei CSC sul sito GTT, e non solo, ne sono arrivate.

Clienti che chiedono di poter rinnovare abbonamenti annuali e che non vogliono viaggiare gratis, ai quali nessuno sa rispondere.

Parliamo poi della fatica che ci è voluta per far partire una sanificazione dei mezzi e degli ambienti aziendali, gli strumenti tecnologici che si vedono negli spot non si sono mai visti nella quotidianità, le indicazioni di non accendere il condizionamento d’aria senza provvedere alla pulizia dei filtri che potrebbe consentilo, dimostra la scarsa attenzione agli utilizzatori dei mezzi, clienti e dipendenti.

Che l’Azienda navighi da tempo in cattive acque è noto a tutti, ma che non si voglia trovare soluzioni lungimiranti, anche a costo zero, non si comprende.

I lavoratori vogliono tornare tutti a lavoro nel rispetto delle normative, le condizioni ci sono ma non capiamo quali siano gli impedimenti.

I lavoratori di GTT

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano