16.9 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Magliano (Moderati) a difesa dell’Istituto Principe Vittorio Emanuele: “La scuola resti una scuola”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«L’Istituto Principe Vittorio Emanuele resti una scuola», il capogruppo dei Moderati in Consiglio comunale a Torino, Silvio Magliano, lancia un appello, dopo la decisione da parte dell’amministrazione Appendino di vendere la struttura di corso Unione Sovietica 170. «Una vendita – spiega Magliano –  che rischia di essere un duro colpo per l’offerta formativa cittadina. In tanti eviteranno di iscrivere i figli al primo anno in una scuola che difficilmente sarà in grado di portare a termine il ciclo formativo. Si rispetti la volontà del donatore dell’immobile: questa storica realtà resti un asilo e una scuola».

Magliano non nasconde la sua preoccupazione: «La scuola resti una scuola. La messa in vendita da parte della Città di Torino dell’Istituto Principe Vittorio Emanuele, dagli anni ’30 del ‘900 punto di riferimento formativo per generazioni di bambini, è per me fonte di estrema preoccupazione. Evidentemente questa Giunta è disposta a tutto pur di fare cassa. La prosecuzione dell’attività didattica è garantita soltanto per i prossimi sei anni».

«Mi associo – continua l’esponente dei Moderati – agli appelli che si stanno alzando da più parti, a partire dalla FISM (Federazione Italiana Scuole Materne): la scuola resti una scuola, Torino non rinunci a un’eccellenza didattica, per garantire la quale da anni la Cooperativa Principe Vittorio non risparmia professionalità, dedizione e risorse finanziarie. Già la semplice messa in vendita del bene rappresenta un danno, dal momento che molte famiglie saranno disincentivate a iscrivere all’Istituto i propri figli, sapendo che difficilmente potranno concludere il ciclo formativo nello stesso Istituto».
«Con una vendita e un cambio di destinazione della struttura non sarebbe inoltre rispettata la volontà del donatore dell’immobile, volontà esplicitamente espressa all’atto della liberalità a favore della città di Torino», conclude Magliano.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano