18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

L'ultrà del Napoli Genny 'a Carogna arrestato per gli scontri di Roma

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Genny ‘a Carogna è stato arrestato dagli agenti della Digos. Tante le accuse che hanno portato al fermo dell’ultrà napoletano, tra cui quelle di scritte inneggianti alla violenza e resistenza a pubblico ufficiale.
Al secolo Gennaro De Tommaso, era indagato per gli scontri avvenuti lo scorso 3 maggio sugli spalti dello Stadio Olimpico di Roma nella finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, durante i quali erano avvenuti l’accoltellamento del tifoso romanista Daniele De Santis e la morte di quello partenopeo Ciro Esposito, causata da un colpo di pistola che sarebbe stato esploso dallo stesso De Santis (tuttora ricoverato in ospedale).
Il nome di Genny ‘a Carogna è divenuto celebre quel giorno per essere stato al centro presunte trattative tra dirigenti, forze dell’ordine e tifosi della curva del Napoli, quest’ultimi inizialmente contrari a proseguire la partita.
Ad eseguire il provvedimento cautelare gli uomini della Digos, coordinati dai pubblici ministeri Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio, nell’ambito dell’inchiesta riguardante i fatti del 3 maggio. Tra i reati contestati al capo ultrà, il concorso in resistenza a pubblico ufficiale,  il lancio di materiale pericoloso e invasione di campo in occasione di manifestazioni sportiva, la violazione del divieto di striscioni e cartelli incitanti alla violenza o recanti ingiurie o minacce. Quest’ultimo si riferisce alla maglietta con su scritto “Speziale libero” indossata da Genny il 3 maggio (Speziale è il ragazzo accusato di aver causato la morte dell’ispettore di polizia Filippo Raciti).
Non solo: le Digos delle questure di Roma e Napoli hanno eseguito provvedimenti cautelari nei confronti di altri quattro ultras del club partenopeo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano