18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Cavallerizza Reale occupata, un’altra cultura è possibile. Le iniziative durante il vertice europeo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I battenti della Reggia di Venaria si apriranno domani per il vertice europeo sulla Cultura: una conferenza su due giorni dal titolo “Il patrimonio culturale come bene comune – Verso una gestione partecipata del patrimonio nel terzo millennio”.
A fare gli onori di casa sarà il ministro Dario Franceschini, che accoglierà nella sontuosa location sabauda i suoi colleghi di tutta Europa.
A dispetto del titolo, però, la conferenza si svolgerà a porte chiuse. Non ci sarà dunque spazio per quelle esperienze che già lavorano a una gestione partecipata e aperta a tutti del patrimonio culturale torinese e nazionale.
È il caso, guardando alla nostra città, dell’Assemblea Cavallerizza 14.45 che da alcuni mesi, tramite l’occupazione, ha ridato vita allo storico complesso di via Verdi. I ragazzi dell’Assemblea hanno così deciso per questa settimana di organizzare una serie di eventi «verso, contro e oltre il Vertice europeo della Cultura», per dare comunque voce all’esperienza che stanno costruendo all’interno della Cavallerizza e mostrare ai ministri in visita che costruire modelli di valorizzazione del patrimonio che non passino per la svendita o la privatizzazione è possibile.
«Vogliamo dimostrare che la cultura Reale – scrivono – in quei giorni è fuori dalle stanze della Reggia, è in città» e in particolare nei locali delle ex scuderie sabaude. «Mentre a Venaria si discuterà di applicare la prassi consolidata (privatizzare e svalutare), la Cavallerizza Reale non starà a guardare – proseguono. «Per l’occasione i nostri spazi ospiteranno dibattiti, spettacoli, laboratori e assemblee per promuovere una cultura accessibile a tutti e tutte e non mercificabile».
La rassegna di eventi si è aperta già da venerdì ma entrerà nel vivo proprio nelle giornate del vertice: per martedì è in programma un presidio con volantinaggio all’esterno del TorinoDanza Festival, in piazza Carignano, mentre ad animare le serate in Cavallerizza ci saranno ospiti d’eccezione. Due storiche band torinesi si alterneranno infatti sul palco di via Verdi: domani sarà il turno degli Statuto, seguiti mercoledì dagli Africa Unite.
La programmazione proseguirà fino a domenica, ovvero per tutta la durata della “settimana della Cultura” che si è aperta il 20 settembre a Torino e durante la quale i musei, a rotazione, rimarranno aperti anche in orario serale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano