18.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Lombardore, il parroco antigay: “Sono da combattere. Dio gli mandi delle saette”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«I gay sono da combattere, il Signore gli mandi delle saette». A pronunciare queste parole shock don Stefano Teisa, parroco di Lombardore, nel torinese, durante la processione della Virgo Fidelis, la patrona dei carabinieri che i Comuni di Leinì, Lombardore e Rivarossa festeggiano insieme.
Una frase che ha suscitato la perplessità e lo sdegno dei presenti, come riporta il quotidiano online locale “Il Bombarolo”. Non solo. Secondo il sito, il sacerdote avrebbe fatto anche un riferimento ben poco piacevole al sindaco di Leinì, Gabriella Leone, che era presente alla cerimonia. «Non la conosco e non voglio conoscerla», avrebbe detto. Mentre il primo cittadino di Lombardore, Diego Billi, si sarebbe immediatamente discostato dall’affermazione anti – gay di don Stefano Teisa.
Ancora una volta, quindi, dichiarazioni omofobe, dopo lo sconcertante bollettino parrocchiale pubblicato da una professoressa di Rivarolo Canavese, in cui si parlava della somministrazione degli «ormoni dell’omosessualità» ai bambini da parte dell’Onu.

@ElisaBellardi

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano